LIFE SEMENTE PARTECIPATA – UN’OCCASIONE DI CONFRONTO E COMPARTECIPAZIONE DEGLI OBIETTIVI

progetto life sementeIl Life+ Leopoldia Incontra il Life Semente Partecipata

Il 27 maggio 2015 si è tenuto presso la stazione di granicoltura di Santo Pietro un incontro fra i responsabili dei Life Leopoldia e del Life Semente Partecipata. Un incontro molto atteso fra due progetti Life che nell’ambito dell’agricoltura siciliana stanno svolgendo un’incisiva azione di ricerca.

Il progetto Leopoldia, per salvare la Leopoldia gussonei, mette in campo azioni a tutela della biodiversità nelle aree naturali protette del Golfo di Gela e nella sua fase finale prevede la realizzazione di un marchio di qualità paesaggistico ambientale. Un marchio che, affidato alle imprese locali, possa valorizzare le realtà agricole che proteggono e sostengono la biodiversità. È insomma la biodiversità il nodo cruciale del Progetto Leopoldia.

Ma anche Il Life Semente Partecipata punta sulla tutela della biodiversità. Il progetto Europeo, che si sta svolgendo nei campi sperimentali di Santo Pietro, intende proteggere il germoplasma del frumento duro e in generale preservare la biodiversità nell’ambito delle produzioni a frumento, puntando al recupero dei grani antichi nelle produzioni locali.

I due Life si incontrano sul tema delle azioni svolte in ambito agricolo, per convertire le produzioni in sistemi compatibili ai paesaggi protetti delle aree SIC e ZPS. La diffusione di pratiche agricole sostenibili e sensibili al tema della biodiversità porta vantaggi ad entrambi i progetti ed è per questo che il marchio di qualità paesaggistico ambientale diventerebbe un fattore comune di promozione e tutela del paesaggio.

I grani antichi che col progetto Semente Partecipata vengono messi in campo e testati per la produzione su scala più vasta richiedono un basso, se non nullo, utilizzo di concimi e fertilizzanti, un ridotto utilizzo di diserbanti e minori risorse idriche. Si tratta di frumenti con migliore capacità di resistenza e a basso contenuto di glutine, oggi sempre più oggetto di studi riguardo malattie autoimmuni. Infine si tratta di colture che consentono il permanere di agroecosistemi molto ricchi, proprio in linea con gli obiettivi di tutela e protezione della biodiversità.

Il marchio di qualità paesaggistico ambientale svolge un ruolo di promozione del territorio e amplia il contesto culturale dei produttori agricoli al ruolo di produttori e protettori del paesaggio. I prodotti agricoli del futuro marchio Leopoldia sono prodotti di un paesaggio tutelato e protetto dagli agricoltori e in cui il consumatore diventa sponsor e complice consapevole.

Salvare la Leopoldia e i grani antichi sarà possibile anche grazie alla partecipazione di tutti e alla creazione di un target di consumatori informati e consapevoli. Mangiare sano deve voler dire vivere in un paesaggio sano proteggendo la biodiversità.

Skip to top

Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*